Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Monza 16.09.2020 - Anche quest’anno il Festival parteciperà all’iniziativa “Ville Aperte in Brianza” promossa dalla Provincia di Monza e della Brianza. Sarà l’unico evento in presenza di questa edizione.

Per l’edizione 2020 oltre a riaprire al pubblico, date le tante richieste pervenute, le porte di Villa Mirabello e dell’attigua Cappella, proporremo una visita esclusiva al Santuario Santa Maria delle Grazie e al suo parco. Un gioiello sconosciuto ai più. Come consuetudine del Festival le visite guidate saranno accompagnate e integrate da performance musicali che creeranno un’atmosfera particolare e renderanno ancor più suggestiva ed emozionante la visione di questi splendidi luoghi.

 

mirabello

Foto di Paolo Cavenago del Circolo Fotografico Monzese

Le visite sono fissate per il 26 e 27 settembre e il 3 e 4 ottobre. Per prenotazioni: www.villeaperte.info.

Visite Guidate Villa Mirabello

Nelle giornate di domenica  27 Settembre e 4 Ottobre, si terranno le visite guidate alla Villa, in collaborazione con Guidarte.

Novità: è stata aggiunta anche la data del 3 ottobre.

La Villa Mirabello è una dimora settecentesca, in parte restaurata e in parte da ristrutturare, che rappresenta in termini architettonici e culturali una delle più belle ma poco conosciute ville presenti nel Parco e nel territorio. La Villa è visitabile nel suo corpo centrale con il suo prestigioso salone e i suoi affascinanti affreschi così nelle sue altre parti interne ed esterne Per saperne di più http://www.lombardiabeniculturali.it/architetture/schede/MI230-00108/

 

grazie

Foto tratta da Wikipedia

Domenica 27 Settembre alle ore 17.00 concerto di musica classica con il Quartetto Legòmetha sotto i portici della Villa Mirabello in occasione del 250° anniversario della nascita di Ludwig van Beethoven, con il Patrocinio del Consolato Generale della Repubblica Federale di Germania, a cura dell’Associazione Amici della Musica. In programma, alcuni brani dai celeberrimi quartetti per archi del genio di Bonn.

I violinisti Matteo Baldoni e Simone Broggini, la violista Alessandra Di Pasquale ed il violoncellista Tazio Brunetta, hanno collaborato con prestigiose istituzioni (Orchestra dell'Accademia del Teatro alla Scala, European Philarmonia di Bruxelles, Orchestra di Padove e del Veneto, Teatro alla Scala, Teatro La Fenice, Radio Vaticana, sedi dell'UNESCO). Si sono riuniti nel quartetto Legòmetha per esplorare e far conoscere un repertorio dalle intense e profonde sonorità.

Le visite di domenica 4 Ottobre si concluderanno nella Cappella della Villa del Cardinal Durini con brevi concerti di Valerio Scrignoli, guitar hero a cura di Musicamorfosi.

Programma e orari: ore 10.50-11.50-12.50 – 15.50 – 17.00 JESUS CHRIST SUPERSTAR Valerio Scrignoli guitar hero Un viaggio nel rock mistico di Jesus Christ Superstar, il celeberrimo musical del 1973 di Tim Rice e Andrew Lloyd Webber. Un concerto in “solo” per chitarra ed effetti elettronici sulle note melodie del musical che narra la storia di Gesù dal punto di vista di Giuda. Valerio Scrignoli è un musicista della scena jazz italiana dalla mai sopita passione per il rock che in questo concerto ci rivela nella sua forma più mistica.

   

  • Visite Guidate Santuario Santa Maria delle Grazie e il suo parco

Nelle giornate di sabato del 26 Settembre e 3 Ottobre si terranno visite guidate del Santuario e del suo parco in collaborazione con Guidarte.

Il Santuario di Santa Maria delle Grazie e il suo Parco è composto da una chiesa e dal Convento del 1400. La costruzione risale al padre Damiano da Padova. Con una cappella eretta dai fratelli Eriberto e Bertaldo Aliprandi.

All’esterno, sul fianco meridionale, un ampio cortile quadrato delimitato dalle edicole in cotto della Via Crucis, opera dello scultore Dante Ruffini.

Il complesso con una sua porzione ampia di Parco sorge sulla riva sinistra del fiume Lambro, presso il punto in cui il fiume esce dal Parco di Monza. In genere il Parco delle Grazie, pur facendone parte, non è visitabile.

 https://www.legraziemonza.it

Le visite inizieranno con una breve introduzione musicale: sabato 26 settembre di Raffaele Kohler, tromba, e sabato 3 ottobre Roberto Zanisi, percussioni, a cura di Musicamorfosi.

Programma e orari: sabato 26 settembre ore 10-11-15-16-17 Raffaele Kohler tromba Raffaele Kohler, il trombettista che a Milano durante il lockdown suonava O mia bela madunina dalle finestre di casa sua e che è stato ripreso in servizi giornalistici di tutti i paesi del Mondo accompagna con la sua tromba magica e simbolica in piccolissimi frammenti di concerto

Programma e orari: sabato 3 ottobre ore 10-11-15-16-17

Roberto Zanisi cumbus, bouzuki, steel pan e altre percussioni Imbraccia strumenti a corda come il cümbüş turco il bouzuki greco, lo cifteli albanese, percuote strumenti a percussione come l’arabo dumbek o crea melodie cromatiche con lo steel pan di Trinidad e Tobago, usa la voce e percorre generi di ogni parte del mondo, rimescola tutto secondo un gusto molto personale. Una musica libera di viaggiare e farvi viaggiare oltre ogni confine.

 

➢ Il Festival del Parco di Monza è nato nel 2017 e si è sviluppato nelle sue 3 edizioni, grazie alla volontà e determinazione dei promotori, l’Associazione Novaluna di Monza insieme al Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, con la collaborazione “in rete” di realtà professionali e associazioni di volontariato, con il sostegno e l’adesione di istituzioni, fondazioni e realtà imprenditoriali del territorio.

➢ Nelle scorse edizioni ha coinvolto nei vari progetti oltre 50 partner tra enti pubblici, fondazioni, realtà private e associazioni nazionali e del territorio e visto la partecipazione di più di 8.000 persone

Il Festival è ecosostenibile, con la certificazione GreenFEST – Green Festivals and Events through Sustainable Tenders, riconosciuta da Anci Lombardia in quanto risponde ai Criteri Ambientali Minimi per l’organizzazione e la gestione degli eventi culturali.

www.festivaldelparcodimonza.it                                                                                                       www.reggiadimonza.it                              

Facebook                  @FestivaldelParcodiMonza

Twitter                       @ParcoMonzaFest

Instagram                  festivaldelparcodimonza

YouTube                   Festival Parco Monza

@ComunediMonza @ReggiadiMonza  #FestivalParcoMonza #VilleAperte2020  #Ambiente #Cultura #Arte #VillaReale

#VillaMirabello #NaturaÈCultura #ParcoMonza #Monza #Brianza #Festival #Lombardia #CircoloFotograficoMonzese

Barlini.Marco CFMz A PassiDiSaluteNelParco DSCF4978

Foto di Marco Berlini / Circolo Fotografico Monzese

“L’epidemia ha bloccato la realizzazione del Festival in presenza ma non ci ha fermati: porteremo noi il Parco a casa di tutti.”

Domenica 25 ottobre i cittadini potranno seguire gratuitamente on line e in diretta il Festival del Parco di Monza con un importante palinsesto di eventi, ospiti e sorprese. Appuntamento a partire dalle ore 10 sulle pagine Facebook e sui siti del Festival, del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza e dell’associazione Novaluna.

Un anticipo del Festival (questo dal vivo!) è previsto nei prossimi due weekend con le visite guidate al Santuario Santa Maria delle Grazie e al suo parco e Villa Mirabello durante i weekend di Ville Aperte in Brianza.

Un Festival tutto (o quasi) digitale.

Quest’anno sarà il Parco ad entrare nelle vostre case. Causa emergenza Covid, il Festival del Parco di Monza 2020 si trasferisce in rete con una diretta streaming gratuita di otto ore, completamente dedicata al nostro gioiello verde. Ci vedremo on line domenica 25 ottobre sulle pagine Facebook  e sui siti del Festival, del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza e dell’associazione Novaluna.

“Abbiamo cercato di trasformare il problema Covid in un’opportunità – spiega Cristina Sello del Comitato organizzatore e responsabile della comunicazione del Festival del Parco di Monza - Dati i limiti oggettivi e le difficoltà nell’organizzare eventi  e la considerazione che il Festival è assembramento per definizione, è vivere insieme esperienze culturali e performance artistiche in stretto contatto tra le persone e il nostro meraviglioso Parco, sarebbe stato impossibile  realizzare il Festival in presenza. Si svolgerà quindi in versione digitale, cogliendo l’aspetto positivo e le potenzialità che lo strumento ci offre: potremo coinvolgere anche chi non frequenta solitamente il Parco o non lo conosce affatto e persone che, per vari motivi, non possono vivere e giovarsi delle sue meraviglie. “

“Stiamo preparando - prosegue Cristina Sello - un palinsesto unico e di grande valore che miscela discipline e temi diversi, con i coinvolgimento di tante e diverse istituzioni e associazioni: sono previsti eventi, performance artistiche, concerti, visite guidate in luoghi sconosciuti, nelle cascine, nelle ville, nei mulini e in tanti spazi verdi incredibili per la loro bellezza e valore storico - culturale, insieme a presentazioni di libri con l’autore, incontri con personaggi noti, esperti, responsabili di altre regge e parchi storici italiani. Riusciremo a farvi entrare, con le nostre riprese, in luoghi sconosciuti, inaccessibili, misteriosi, nascosti o poco fruibili, accompagnati da esperti che ci guideranno e ci faranno capire quanto il Parco sia un bene di grande valore culturale, paesaggistico, storico, architettonico al di là dell’evidente elevata qualità ambientale e naturalistica. Insomma, riusciremo a portare il Parco a casa in una domenica d’autunno da trascorrere insieme in piacevole compagnia; con un’attenzione particolare a coloro che per distanza, impedimenti o disabilità fisiche non potrebbero mai partecipare direttamente ad un evento di tal genere e nemmeno vivere e godere delle bellezze del Parco di Monza.”

Conosceremo gli alberi monumentali, il patrimonio botanico, parleremo di salute, alimentazione, benessere, di sport, agricoltura, della storia e del futuro di immobili storici abbandonati e dismessi, di questo nostro Parco non conosciuto, vissuto a volte con indifferenza se non addirittura sfregiato e vandalizzato.

Affronteremo il tema della sostenibilità e della compatibilità tra usi umani e ricadute sull’ambiente, le possibili buone pratiche, il problema dell’inquinamento e degli impatti climatici, l’importanza del Parco all’interno di un più ampio sistema di aree verdi da salvaguardare per la nostra salute e promuovere un positivo cambiamento dei nostri stili di vita.

Vigano AlfredoA foto di Fabrizio Radaelli 500

Alfredo Viganò (Foto di Fabrizio Radaelli)

Questa del 2020 sarà un’edizione dedicata interamente ad Alfredo Viganó, architetto urbanista monzese e socio fondatore di Novaluna, grande conoscitore del Parco e della sua storia, e tra i primi a sostenere la coraggiosa idea di fare il Festival.

QUANDO

Domenica 25 Ottobre a partire dalle 10, con un programma che coprirà l’intera giornata. E’ stata scelta questa data perché in quel periodo ci saranno meno possibilità di andare al Parco e sarà più gradevole seguire un evento on line.

DOVE E COME

Il Festival sarà visibile gratuitamente - in diretta - sulle pagine Facebook e sui siti del Festival del Parco di Monza e del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza. Sono in fase di definizione accordi con altre pagine social del territorio che condivideranno il nostro live.

I video e gli eventi del Festival 2020 resteranno on line e potranno essere rivisti in qualunque momento sulle pagine Fb e sui siti dei promotori.

➢ Il Festival del Parco di Monza è nato nel 2017 e si è sviluppato nelle sue 3 edizioni, grazie alla volontà e determinazione dei promotori, l’Associazione Novaluna di Monza insieme al Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, con la collaborazione “in rete” di realtà professionali e associazioni di volontariato, con il sostegno e l’adesione di istituzioni, fondazioni e realtà imprenditoriali del territorio.

➢ Nelle scorse edizioni ha coinvolto nei vari progetti oltre 50 partner tra enti pubblici, fondazioni, realtà private e associazioni nazionali e del territorio e visto la partecipazione di più di 8.000 persone

Il Festival è ecosostenibile, con la certificazione GreenFEST – Green Festivals and Events through Sustainable Tenders, riconosciuta da Anci Lombardia in quanto risponde ai Criteri Ambientali Minimi per l’organizzazione e la gestione degli eventi culturali.