Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Barlini.Marco CFMz A PassiDiSaluteNelParco DSCF4978

Foto di Marco Berlini / Circolo Fotografico Monzese

“L’epidemia ha bloccato la realizzazione del Festival in presenza ma non ci ha fermati: porteremo noi il Parco a casa di tutti.”

Domenica 25 ottobre i cittadini potranno seguire gratuitamente on line e in diretta il Festival del Parco di Monza con un importante palinsesto di eventi, ospiti e sorprese. Appuntamento a partire dalle ore 10 sulle pagine Facebook e sui siti del Festival, del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza e dell’associazione Novaluna.

Un anticipo del Festival (questo dal vivo!) è previsto nei prossimi due weekend con le visite guidate al Santuario Santa Maria delle Grazie e al suo parco e Villa Mirabello durante i weekend di Ville Aperte in Brianza.

Un Festival tutto (o quasi) digitale.

Quest’anno sarà il Parco ad entrare nelle vostre case. Causa emergenza Covid, il Festival del Parco di Monza 2020 si trasferisce in rete con una diretta streaming gratuita di otto ore, completamente dedicata al nostro gioiello verde. Ci vedremo on line domenica 25 ottobre sulle pagine Facebook  e sui siti del Festival, del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza e dell’associazione Novaluna.

“Abbiamo cercato di trasformare il problema Covid in un’opportunità – spiega Cristina Sello del Comitato organizzatore e responsabile della comunicazione del Festival del Parco di Monza - Dati i limiti oggettivi e le difficoltà nell’organizzare eventi  e la considerazione che il Festival è assembramento per definizione, è vivere insieme esperienze culturali e performance artistiche in stretto contatto tra le persone e il nostro meraviglioso Parco, sarebbe stato impossibile  realizzare il Festival in presenza. Si svolgerà quindi in versione digitale, cogliendo l’aspetto positivo e le potenzialità che lo strumento ci offre: potremo coinvolgere anche chi non frequenta solitamente il Parco o non lo conosce affatto e persone che, per vari motivi, non possono vivere e giovarsi delle sue meraviglie. “

“Stiamo preparando - prosegue Cristina Sello - un palinsesto unico e di grande valore che miscela discipline e temi diversi, con i coinvolgimento di tante e diverse istituzioni e associazioni: sono previsti eventi, performance artistiche, concerti, visite guidate in luoghi sconosciuti, nelle cascine, nelle ville, nei mulini e in tanti spazi verdi incredibili per la loro bellezza e valore storico - culturale, insieme a presentazioni di libri con l’autore, incontri con personaggi noti, esperti, responsabili di altre regge e parchi storici italiani. Riusciremo a farvi entrare, con le nostre riprese, in luoghi sconosciuti, inaccessibili, misteriosi, nascosti o poco fruibili, accompagnati da esperti che ci guideranno e ci faranno capire quanto il Parco sia un bene di grande valore culturale, paesaggistico, storico, architettonico al di là dell’evidente elevata qualità ambientale e naturalistica. Insomma, riusciremo a portare il Parco a casa in una domenica d’autunno da trascorrere insieme in piacevole compagnia; con un’attenzione particolare a coloro che per distanza, impedimenti o disabilità fisiche non potrebbero mai partecipare direttamente ad un evento di tal genere e nemmeno vivere e godere delle bellezze del Parco di Monza.”

Conosceremo gli alberi monumentali, il patrimonio botanico, parleremo di salute, alimentazione, benessere, di sport, agricoltura, della storia e del futuro di immobili storici abbandonati e dismessi, di questo nostro Parco non conosciuto, vissuto a volte con indifferenza se non addirittura sfregiato e vandalizzato.

Affronteremo il tema della sostenibilità e della compatibilità tra usi umani e ricadute sull’ambiente, le possibili buone pratiche, il problema dell’inquinamento e degli impatti climatici, l’importanza del Parco all’interno di un più ampio sistema di aree verdi da salvaguardare per la nostra salute e promuovere un positivo cambiamento dei nostri stili di vita.

Vigano AlfredoA foto di Fabrizio Radaelli 500

Alfredo Viganò (Foto di Fabrizio Radaelli)

Questa del 2020 sarà un’edizione dedicata interamente ad Alfredo Viganó, architetto urbanista monzese e socio fondatore di Novaluna, grande conoscitore del Parco e della sua storia, e tra i primi a sostenere la coraggiosa idea di fare il Festival.

QUANDO

Domenica 25 Ottobre a partire dalle 10, con un programma che coprirà l’intera giornata. E’ stata scelta questa data perché in quel periodo ci saranno meno possibilità di andare al Parco e sarà più gradevole seguire un evento on line.

DOVE E COME

Il Festival sarà visibile gratuitamente - in diretta - sulle pagine Facebook e sui siti del Festival del Parco di Monza e del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza. Sono in fase di definizione accordi con altre pagine social del territorio che condivideranno il nostro live.

I video e gli eventi del Festival 2020 resteranno on line e potranno essere rivisti in qualunque momento sulle pagine Fb e sui siti dei promotori.

➢ Il Festival del Parco di Monza è nato nel 2017 e si è sviluppato nelle sue 3 edizioni, grazie alla volontà e determinazione dei promotori, l’Associazione Novaluna di Monza insieme al Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, con la collaborazione “in rete” di realtà professionali e associazioni di volontariato, con il sostegno e l’adesione di istituzioni, fondazioni e realtà imprenditoriali del territorio.

➢ Nelle scorse edizioni ha coinvolto nei vari progetti oltre 50 partner tra enti pubblici, fondazioni, realtà private e associazioni nazionali e del territorio e visto la partecipazione di più di 8.000 persone

Il Festival è ecosostenibile, con la certificazione GreenFEST – Green Festivals and Events through Sustainable Tenders, riconosciuta da Anci Lombardia in quanto risponde ai Criteri Ambientali Minimi per l’organizzazione e la gestione degli eventi culturali.