Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Il Parco tra natura e antropizzazione: il paesaggio

prenotazionecontributo

L’agronomo Giorgio Buizza ci accompagna lungo un percorso di km. 3,7  soffermandosi a guardare, spiegare e comprendere luoghi più o meno conosciuti, luci e ombre, splendori e rovine del nostro Parco.

Partenza: Cascina Frutteto  (ore 9.00 raduno, conferma prenotazioni, nuove iscrizioni)

Arrivo:  Villa Mirabello (ore 12/12.30)

Tappe » Contenuti e spunti di discussione

Viale Cavriga »Cannocchiale visuale su Cascina San Fedele

Cascina del Sole » L’uso pubblico del Parco

Collinetta del Belvedere su viale Mirabello » l’organizzazione del reticolo dei viali del parco

Cannocchiale centrale e Villa Reale » Scenografia Villa e parco - Unitarietà

Il Fontanile della Pelucca » L’uso dell’acqua

Il Ponte delle Catene » Elementi costruttivi

Il Lambro »  Il fiume e il paesaggio – l’energia idraulica

L’area dell’Università » Cenni storici sul rapporto con l’Università

La visuale sulla Villa Reale                              

I rinnovati filari di tigli e ippocastani »  La vegetazione informale (boschi) e formale (filari e rondò)

Il rondò dei Castagni d’India                           

L’accesso da Via Lecco » Parco e territorio – i comuni confinanti

Il rondò delle roveri » Evoluzione – la raggera delle visuali

La Cascina Pariana » Esempio di abbandono

Il rondò dei tulipiferi » Gli alberi dei tulipani

Il ponte della Cavriga » Problemi legati alla presenza dei veicoli nel Parco

Il Mulino del Cantone » Rovine – La chiusa- la roggia- il mulino

La cascina Cattabrega » Attività equestre nel parco

Il Mirabello » Conclusioni

Prenotazione consigliata

Richiesta donazione di 5 euro

Info e prenotazione: www.festivaldelparcodimonza.it


 

buizza giorgio 300x215Giorgio Buizza

Mi sono laureato in Scienze Agrarie a Milano nel 1971 e abilitato dottore agronomo nel 1973.

L’incontro con il Parco di Monza è avvenuto a seguito della selezione bandita dal Comune di Monza per un agronomo-forestale a cui affidare l’Ufficio Parco e Giardini.

Nel gennaio 1984 ho iniziato a percorrere i viali e i boschi del Parco avendo a disposizione un grande e tetro ufficio al piano terreno della Villa Mirabello.

Sono stati quasi sei anni di intenso lavoro tutto concentrato sulla gestione del Parco di Monza.

Mi sono poi dimesso dal ruolo di dirigente di settore nel settembre del 1989 per dedicarmi alla libera professione.

Dal 1990 al 2005 ho operato, come consulente esterno, presso il Consorzio Parco Valle del Lambro ed ho seguito la preparazione e l’attuazione della Legge Regionale n° 40/1995 e il successivo piano triennale di riqualificazione del Parco.

In questa fase ho anche seguito direttamente la progettazione e la realizzazione di alcuni progetti previsti dal piano: i grandi alberi, i filari, alcune zone boscate, il roccolo.

Successivamente sono stato incaricato dall’Amministrazione del Parco di progettare la riqualificazione di alcune aree boscate, la collinetta Belvedere del Mirabello, la riapertura del cannocchiale centrale, la riqualificazione del Rondò delle Roveri e della raggera dei suoi viali.

Per il comune di Monza ho progettato la riqualificazione del giardino centrale di via Cavallotti/Gramsci/Pavoni con lo spostamento del Monumento al Marinaio, e la riqualificazione del giardino annesso alla sede di rappresentanza della Prefettura in via Casati.

Ho collaborato fin dal primo numero (1988) ai quaderni “il Parco, La Villa” curati da Novaluna.

Attualmente svolgo la libera professione nel mio studio di Lecco operando per la conservazione degli alberi urbani, che sono in costante diminuzione, e delle aree verdi, che sono sempre nel mirino di chi vorrebbe cambiarne la destinazione.

Info:

Inizio evento 22-09-2019 09:30
Posti 40
Disponibili 24
Contributo per persona 5,00€
Luogo 04 Cascina Frutteto / Scuola Agraria del Parco di Monza

Il luogo: 04 Cascina Frutteto / Scuola Agraria del Parco di Monza

Iscrizioni all'evento esaurite.