Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Gioventù Green

accessibile

Cortometraggi e filmati internazionali, anche di animazione, per bambini e famiglie, provenienti dal 22° Film festival CinemAmbiente di Torino: un divertente ed istruttivo giro del mondo per difendere il pianeta e per immaginare un futuro più verde.

Sala cinema interna

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

A cura di Spazio Cinema Anteo

           


 

Festival nel Festival

Rassegna di Corti e Film per l’Ambiente

 

 

14.30 PROIEZIONE CORTI E FILMATI PER BAMBINI E NON

Dal Festival Internazionale “CinemAmbiente”di Torino”

EcoAnimazione EcoFantasy

CINEMAMBIENTE 2019

 

ECOANIMAZIONE

Tra bambini che non hanno mai visto la Luna e segugi che lanciano ululati elettrici, prende forma un mondo dalle atmosfere inquietanti e poetiche al contempo. Drammatici scenari di un prossimo futuro si intrecciano a diari intimi e contemplativi di un passato ingombrante che si dissolve in un presente dalle tinte surreali. Un viaggio fantastico, a tratti ironico e sarcastico, che ci conduce senza scappatoie di fronte all’insensatezza del reale: la crisi della biodiversità causata, per la prima volta, dall’essere umano.

Uno strano processo

Marcel Barelli (Svizzera 2018, 9’58”)

«Ho sempre voluto fare un film SULLA caccia… anzi, CONTRO la caccia! Ma non è così semplice con una famiglia di cacciatori…»

On the Cover

Yegane Moghaddam (Iran 2018, 4’20”)

Una foresta, un fotografo naturalista e un gruppo di animali che si mettono in posa per uno scatto da copertina prima dell’estinzione.

The Sky Underwater

Maria Galliani Dyrvik (Norvegia 2018, 10’20”)

2050: la città di Bergen è sommersa dalle acque del mare, protetta da una gigantesca cupola di vetro. Un gruppo di bambini si avventura in superficie per vedere la Luna per la prima volta.

Debris

Kaide Wang (Regno Unito 2018, 3’17”)

L’industrializzazione, l’urbanizzazione e le trasformazioni sociali della Cina osservati e annotati in un diario dall’autrice.

Alegría

Katalin Egely (Ungheria 2018, 4’)

L’antico paradosso che separa l’Uomo e la Natura. In realtà siamo tutti parte della stessa lotta e della stessa armonia, di una danza frenetica di euforia e accettazione.

Flat Dog Town

Max Andersson (Germania 2017, 6’32”)

Una specie in via di estinzione che lotta per la sopravvivenza, alcuni rulli di Super8 scaduti… poesia di strada a Berlino.

Rhizoma

Santiago Pérez Rodríguez (Belgio 2018, 3’)

Segugi e antenne di trasmissione, frequenze di carne e ululati elettrici. Un'atmosfera inquietante in cui l’animale, l'organico e l'industriale si fondono.

A World that flew away on the back of a Cow

Wojciech A. Hoffmann (Polonia 2018, 7’)

In un mondo di automobili e asfalto, due contadini vengono salvati da una mucca e una gallina.

Welcome to the Sixtinction

Chiara Cant (Italia 2018, 3’18”)

Duecento specie animali si estinguono ogni giorno. Le nostre scelte, le nostre azioni e la nostra abilità a reagire ai drammatici problemi del nostro Pianeta… Benvenuti nella Sesta estinzione.

 

#6 ECOFANTASY

 

Un vero e proprio zoocaledoscopio colorato, animato e divertente per bambini e famiglie, ma adatto anche agli adulti e in grado di offrire diversi spunti di riflessione, popolato da ippopotami, orsi polari, suricati, avvoltoi, granchi e api, fino a eleganti e coordinati stormi di uccelli in volo che sembrano quasi comporre in cielo forme e figure della ricerca artistica più astratta e sperimentale. 

Accidents, Blunders and Calamities (Nuova Zelanda 2015, 5’) di James Cunningham

Un opussum legge ai suoi cuccioli la favola della buonanotte: una vera e propria guida al più pericoloso fra tutti gli animali, l’uomo. Ispirata al classico di Edward Gorey, questa black comedy per bambini e adulti è una fenomenologia della morte e la confusione causate nel mondo naturale dall’ignoranza dell’uomo. Trenta animali sono stati meticolosamente ricreati e «uccisi» da quarantaquattro studenti di una Media Design School.

The Art of Flying (Olanda 2015, 7’) di Jan van Ijken

Il fenomeno dei volteggi degli stormi in volo compatto rimane ancora misterioso: non è chiaro infatti come riescano a creare gruppi così densi senza scontrarsi l’un con l’altro. Uno spettacolo volante che si ripete ogni sera alle prime luci del tramonto. L’inverno scorso è stato relativamente mite e questa specie non è migrata, come di consueto, verso sud, dando quindi la possibilità a Jan van Ijken di riprendere uno dei più straordinari fenomeni naturali offerti dal mondo naturale.

Catch It (Francia 2015, 6’) di Paul Bar, Marion Demaret, Nadège Forner, Pierre-Baptiste Marty, Julien Robyn, Jordan Soler

Dopo un sonno tranquillo, un gruppo di suricati scopre che nella notte sull’albero di fronte alla loro tana è cresciuto un meraviglioso frutto rosso. Quando uno spaventoso avvoltoio apparso all’improvviso glielo ruba sotto gli occhi, il gruppo decide di non darsi per vinto e di strappare il loro tesoro dalle grinfie del rapace. Il film è stato nominato come miglior cortometraggio agli Oscar del 2016.

Crabe Phare (Francia 2015, 7’) Gaetan Borde, Benjamin Lebourgeois, Claire Vandermeersh, Alexandre Veaux, Mengjing Yang

Il granchio-faro è un leggendario crostaceo dalle dimensioni spaventose che tanti marinai giurano di aver visto nelle notti di tempesta e che si diverte a catturare con le sue chele immense le imbarcazioni degli ignari naviganti che gli passano vicino. Ora però il grande crostaceo è vecchio e accrescere la sua collezione diventa per lui sempre più difficile e faticoso.

Hippo and Juice (Russia 2015, 2’), di Alexey Minchenok

Il pilota di linea Hippo adora mangiare e ha un debole in particolare per i dolci. La mattina lascia così una splendida crostata di mirtilli e una caraffa di succo di frutta in frigorifero che però trova vuoto al suo ritorno da un lungo volo, durante il quale si è pregustato con la fantasia le sue adorate leccornie. Deciderà di mettersi sulle tracce della refurtiva, fermamente deciso a catturare il ladro e a recuperare la sua torta preferita.

The Last Days of Lars (Germania 2015, 6’) di Ninett Dahnke

Lars è un orso polare che si risveglia su un piccolo pezzo di ghiaccio alla deriva nell’oceano Antartico, prima di essere travolto da una serie di rifiuti galleggianti e poi da una grande petroliera. Sarà solo l’inizio di una gran brutta giornata che modificherà irrimediabilmente l’ambiente in cui vive, mettendo in serio pericolo l’intero ecosistema e tutte le specie che insieme a lui vi abitano.

Miel bleu (Francia 2015, 4’) di Constance Joliff, Daphne Durocher, Fanny Lhotellier

A una piccola ape allergica al polline viene impedito di continuare a raccogliere il polline per i prati con le altre compagne a causa dei suoi improvvisi starnuti. Abbattuta e demoralizzata, l’insetto vaga senza meta fino a imbattersi improvvisamente in uno specchio di liquido dal blu cristallino che decide di portare all’alveare senza sapere che la sostanza avrà un profondo impatto nella vita di tutta la colonia dalle conseguenze drammatiche e imprevedibili.

Info:

Inizio evento 22-09-2019 14:30
Termine evento 22-09-2019 18:00
Posti Illimitato
Contributo per persona Evento gratuito