Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

SOSTIENI IL FESTIVAL sitoSe come noi ami il Parco di Monza, la natura e la cultura, sostieni il Festival con un contributo, anche piccolo. È facile e veloce, clicca qui.

 

cater

 

Massimo Cirri, conduttore Caterpillar (RAI Radio 2) , autore e scrittore, creatore di M’illumino di meno urly.it/384pd

Marco Ardemagni, conduttore Caterpillar AM (RAI Radio 2), autore e poeta. Conduce tutta la sezione CaterParco del Festival.

Roberto Belluzzi, dirigente di Anteo spazioCinema e responsabile corti per l’ambiente di tutte le edizioni del Festival del Parco di Monza

Silvio Soldini, regista, sceneggiatore, traduttore. Ha dimostrato di trovarsi a proprio agio sia con film più impegnativi, come Brucio nel ventoUn'anima divisa in due e Le acrobate, che con commedie sentimentali e rocambolesche, come Pane e tulipani, Agata e la tempestaIl comandante e la cicogna. Poi nel 2017 Il colore nascosto delle cose . Nel 2019 partecipa al film Interdependence, film a episodi sul tema del cambiamento climatico, a cui collaborano 11 registi di tutto il mondo. Il suo episodio, girato a Milano, è Olmo.

Saul Beretta, inventore musicale, direttore creativo di Musicamorfosi, autore di testi e musica, produttore artistico, autore radiofonico, promotore e agitatore di insolite iniziative musicali

Andrea Poggio, responsabile mobilità sostenibile e stili di vita presso la segreteria nazionale Legambiente. Giornalista e scrittore sino al 1984 ha È tra i fondatori di Legambiente. È stato il curatore della mostra Green Life, costruire città sostenibili, organizzata presso la Triennale di Milano (2010).

Angelo Imperatori, comitato organizzatore Festival del Parco di Monza, ha curato in specifico gli aspetti e le buone pratiche legate alla mobilità sostenibile all’interno del Parco di Monza durante il Festival nelle scorse edizioni

La sezione CaterParco focalizza l’attenzione sull’aspetto ambientale e di ecosostenibilità del Festival.

Per fare una città ci vuole l’albero: alberi e tutela dei parchi urbani

Si parte da considerazioni generali sull’importanza del verde in città, inteso come spazi verdi, alberi, parchi diffusi nell’area urbana per diminuire l’inquinamento, rendere più ecologicamente corretto l’ambiente che ci circonda e aumentare il benessere psico fisico dei cittadini. Ne parliamo con Massimo Cirri che ha dato avvio a iniziative per sollecitare la conoscenza e la consapevolezza delle persone nei confronti delle tematiche legate alla sostenibilità ambientale, al risparmio energetico, alla riduzione dell’inquinamento, alla mitigazione dei cambiamenti climatici.

Corti per l’AmbienteA cura di Anteo spazioCinema

Proseguiamo poi con il cortometraggio Olmo, con intervento e dialogo con il regista Silvio Soldini, episodio di Interdependence. Un’occasione straordinaria per vedere quest’opera breve ma molto significativa.

Come significativo è il corto Global Warming, narrato e prodotto da Leonardo DiCaprio. Sono testimonianze importanti su come anche il mondo del cinema, dell’arte, del teatro, della letteratura, della cultura in tutti i suoi ambiti, si stia attivando sempre di più sul tema e stia cercando ogni modalità possibile per arrivare al grande pubblico e aumentare l’attenzione e la sensibilità.

Concerti nel Parco: un’esperienza artistica sostenibile

Parliamo quindi di forme d’arte e ambiente e di realizzazione di eventi a basso impatto ambientale. Per essere non invasivi e distruttivi e per calarci nella pienezza della natura che ci circonda e che rende differente non solo l’interazione tra performance e ambiente in cui si realizza, ma anche tra l’artista che crea ed esprime con la sua opera e il pubblico, posto in una situazione di migliore recettività e di coinvolgimento. Parliamo di tuttoquesto  e altro con Saul Beretta che , anche per il Festival, ha organizzato performance musicali di alto livello qualitativo sempre non solo nel massimo rispetto ma anzi in compenetrazione e in sinergia con l’ambiente. 

Green Mobility. Come cambiare la città e la vita

Necessario quindi trovare anche modi per cambiare non solo le città nelle loro strutture ma anche gli stili di vita delle persone. Di questo parliamo con Andrea Poggio. Con la Green Mobility si studiano, progettano, organizzano nuovi modi di muoversi. Il settore dei trasporti, all’intersezione tra innovazione tecnologica, politiche nazionali ed europee, logiche di mercato e stili di vita, ha una parte fondamentale in tutte le strategie di riduzione delle emissioni e dell’inquinamento. La mobilità nuova – elettrica, oltre che connessa, condivisa, multimodale – è infatti parte delle nuove città che si stanno costruendo.Ne parla nel suo libro “Green Mobility. Come cambiare la città e la vita”.

Muoversi nel Parco

Entriamo poi nello specifico di quanto è stato fatto al festival, con Angelo Imperatori: in particolare nell’edizione 2019 abbiamo realizzato un piccolo progetto di mobilità elettrica nel Parco per consentire alle persone di raggiungere posti distanti dagli ingressi ( il Parco ha un’ampiezza di 700 ettari) e avviare una sperimentazione di trasporto anche per chi ha difficoltà nel fare lunghi percorsi o disabilità fisiche. Questo anche in alternativa all’unica mobilità presente oggi nel Parco che è costituita in gran parte da autoveicoli inquinanti.

Siamo LIFE GreenFEST! Un progetto europeo per il Festival del Parco di Monza

Il Festival del Parco di Monza aderisce al progetto europeo LIFE GreenFEST – Green Festivals and Events through Sustainable Tenders – LIFE16 GIE/IT/000748 di cui Anci Lombardia è ente capofila perché risponde ai criteri ambientali minimi richiesti