Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

SOSTIENI IL FESTIVAL sitoSe come noi ami il Parco di Monza, la natura e la cultura, sostieni il Festival con un contributo, anche piccolo. È facile e veloce, clicca qui.

 

paco che nutre

 

Parco che Nutre, Parco che Cura
Vittorio Gatti, Festival Parco di Monza
Paola Santeramo, Presidente Confederazione Italiana Agricoltura
Patrizia Ucci, Progetto Cibo e Salute di Slow Food


Il Parco rappresenta sicuramente un grande contenitore agricolo, all’interno del quale sono innumerevoli le materie prime successivamente utilizzate per la produzione di cibo sostenibile e di altissima qualità agroalimentare, motivo per cui anche Slow Food si sta interessando a questa filiera.
Tra questi troviamo in primo luogo il Latte sicuramente biologico prodotto dall’azienda Agricola Colosio.
Continuiamo poi con lo Yogurt, prodotto sempre dalla Famiglia Colosio e venduto tramite un distributore nelle vicinanze di Cascina Mulini San Giorgio.
Spostandoci all’interno del Parco, troviamo due piante estremamente utili nella cucina del nostro territorio; il Sambuco e l’Aglio Orsino.
Con il primo viene aromatizzato il “Pan de Mei” dolce ricco di storia e tramandato nei secoli dai Frati in particolare Cistercensi che ben coniugavano lavoro e agricoltura.
Con il secondo ci si può solo sbizzarrire, si va dal risotto alla frittata, alla produzione del pesto di Aglio Orsino.
E anche la Frutta, grazie al Frutteto Matematico, presente da oltre due secoli nei pressi di Cascina Frutteto (Scuola Agraria), da pochi anni recuperato con un importante sostegno di Fondazione Cariplo e che sarà pronto tra uno o due anni, a produrre grandi quantità di frutta tipica del territorio da consumarsi fresca o da trasformare in marmellate, composte o mostarde di alta qualità.
Da non dimenticare infine la notevole produzione mellifera: soprattutto nelle Cascine Mulini San Giorgio, Mulini Asciutti e Frutteto, presso la quale è presente anche un laboratorio di smielatura.
C’è quindi la necessità di sviluppare e riconoscere per il futuro la qualità dei prodotti del nostro Parco.
Un Video inedito con la collaborazione del titolare Colosio e con l’esperto Giorgio Buizza ci permetterà di volgere uno sguardo a una realtà importante e ancora troppo poco conosciuta.

In collaborazione con:

Le Donne della Terra Cooperativa Agricola
Azienda agricola Colosio
Slow Food Monza e Brianza